Più ti concentri, più impari

Durante lo studio, occorre essere concentrati. Tutta la nostra attenzione deve essere diretta verso ciò che vogliamo apprendere. La capacità di concentrarsi non è innata, ma si può imparare, prima in asilo, poi a scuola. A sei anni, i bambini sono capaci di concentrarsi per circa 15 minuti. A quattordici, per 30 minuti. Negli adulti, la fase di concentrazione dura circa 45 minuti. Successivamente comincia a diminuire e il discente perde progressivamente il proprio interesse nei confronti dell’argomento che sta apprendendo. La stanchezza o lo stress possono rendere faticoso l’apprendimento, mentre la memoria non riesce più a fissare in modo saldo le nuove informazioni. Comunque, la concentrazione si può migliorare! L’importante è dormire abbastanza. Chi è stanco, infatti, non riesce a rimanere concentrato a lungo.

In più, la possibilità di fare errori aumenta. Va osservato che anche le emozioni influiscono sulla concentrazione. Per apprendere bene, bisognerebbe non farsi prendere dalle emozioni. Troppe emozioni positive o negative possono incidere sull’apprendimento. Per questo motivo, bisogna controllarle ed imparare ad ignorarle durante lo studio. Chi vuole concentrarsi, deve essere motivato e porsi sempre un obiettivo da raggiungere. Solo così, il nostro cervello si sentirà pronto a concentrarsi. In ultima istanza, un ambiente tranquillo non può che essere favorevole. Bere tanta acqua aiuterà la persona a tenersi sveglia … Chi seguirà tutti questi consigli, rimarrà concentrato a lungo!