italiano » greco   Passato 1


81 [ottantuno]

Passato 1

-

81 [ογδόντα ένα]
81 [ogdónta éna]

Παρελθoντικός χρόνος 1
Parelthontikós chrónos 1

81 [ottantuno]

Passato 1

-

81 [ογδόντα ένα]
81 [ogdónta éna]

Παρελθoντικός χρόνος 1
Parelthontikós chrónos 1

Clicca per visualizzare il testo:   
italianoελληνικά
scrivere γρ---
g---o
Lui ha Scritto una lettera. Αυ--- έ----- έ-- γ-----.
A---- é------ é-- g-----.
E lei ha scritto una cartolina. Κα- α--- έ----- μ-- κ----.
K-- a--- é------ m-- k----.
   
leggere δι-----
d-----o
Lui ha letto una rivista. Αυ--- δ------ έ-- π--------.
A---- d------ é-- p--------.
E lei ha letto un libro. Κα- α--- δ------ έ-- β-----.
K-- a--- d------ é-- v-----.
   
prendere πα----
p----o
Lui ha preso una sigaretta. Αυ--- π--- έ-- τ------.
A---- p--- é-- t------.
Lei ha preso un pezzo di cioccolato. Αυ-- π--- έ-- κ------ σ-------.
A--- p--- é-- k------ s-------.
   
Lui era infedele, ma lei era fedele. Αυ--- ή--- ά------ α--- α--- ή--- π----.
A---- í--- á------ a--- a--- í--- p----.
Lui era pigro, ma lei era attiva. Αυ--- ή--- τ------- α--- α--- ή--- ε-------.
A---- í--- t------- a--- a--- í--- e-------.
Lui era povero, ma lei era ricca. Αυ--- ή--- φ----- α--- α--- ή--- π------.
A---- í--- f------ a--- a--- í--- p------.
   
Lui non aveva soldi ma debiti. Δε- ε--- κ------ χ------ α--- χ---.
D-- e---- k------- c------- a--- c----.
Lui non aveva fortuna ma sfortuna. Δε- ε--- κ------ τ--- α--- α-----.
D-- e---- k------- t---- a--- a------.
Lui non aveva successo ma insuccesso. Δε- ε--- κ------ ε------- α--- α-------.
D-- e---- k------- e-------- a--- a--------.
   
Lui non era contento ma scontento. Δε- ή--- ε------------- α--- δ-------------.
D-- í--- e-------------- a--- d-------------.
Lui non era felice ma infelice. Δε- ή--- ε----------- α--- δ------------.
D-- í--- e------------ a--- d-------------.
Lui non era simpatico ma antipatico. Δε- ή--- σ----------- α--- α------------.
D-- í--- s------------ a--- a-------------.
   

Come i bambini imparano a parlare bene

Sin dalla nascita, l’uomo avverte il bisogno di comunicare con gli altri. I neonati strillano, quando vogliono qualcosa. Dopo pochi mesi, sono già in grado si pronunciare qualche parola e, all’età di due anni, sanno costruire delle frasi contenenti due o tre vocaboli. Non si può stabilire quando i bambini debbano cominciare a parlare, ma si può scegliere come debbano esprimersi. Alcuni fattori sono rilevanti. In primo luogo, il bambino deve essere sempre motivato e riconoscere che parlare è un importante traguardo. Un feedback positivo, che apprezzerà tanto, può essere il sorriso. I bambini più grandi cercano di instaurare il dialogo con chi li circonda ed imitano la lingua delle persone a loro prossime. Il livello linguistico dei genitori e degli educatori è molto importante. I bambini debbono capire, infatti, che la lingua è un dono prezioso! E imparare deve essere divertente. Si può mostrare ai bambini l’importanza della lingua, leggendo loro qualcosa, passando molto tempo con loro. Se il bambino vive molte esperienze, vuole anche raccontarle.

I bambini bilingui hanno bisogno di regole precise e debbono sapere quando parlare una lingua e con chi parlarla. In questo modo, il loro cervello impara ad operare una differenza fra le due lingue. Quando i bambini andranno a scuola, tutto cambierà ed impareranno una lingua colloquiale. In questa fase, è importante che i genitori seguano l’evoluzione linguistica del proprio figlio. Diversi studi mostrano che la lingua che apprendiamo da bambini si imprime per sempre nel cervello e anche ciò che impariamo, ci accompagnerà per il resto della vita. Chi vuole imparare bene la propria lingua madre, deve conoscere tutte queste cose, per poterne trarre vantaggio. Così, si imparerà meglio e più velocemente – non solo le lingue straniere …              
Indovinate la lingua!
Il _______ appartiene alle lingue baltiche. E' parlato da oltre 3 milioni di persone, che risiedono in ******ania, in Bielorussia e in Polonia. Il _______ ha una stretta parentela linguistica con il lettone. Anche se la ******ania è davvero un piccolo paese, la lingua ha molti dialetti. Nella forma scritta il _______ usa l'alfabeto latino, ma ha anche alcuni segni speciali. Molto singolare è la presenza di tante doppie vocali.

Ci sono diversi tipi di vocali: brevi, lunghe e nasali. La pronuncia del _______ non è difficile. Visibilmente più complesso è l'accento delle parole, che è dinamico. Ciò significa che segue la forma grammaticale della parola. Interessante è il fatto che il _______ sia una lingua molto arcaica. E' la lingua che meno si è discostata da quella degli antenati. Ciò significa che presenta ancora forti simi******dini con la primordiale lingua indoeuropea. Chi vuole scoprire come parlavano i nostri antenati, dovrebbe imparare il _______ …